Con un decreto interministeriale pubblicato sulla gazzetta ufficiale del 18/11/2019, sono state definite le modalità per l’accesso al bonus TV per il passaggio al digitale terrestre di nuova generazione.

A quanto ammonta il bonus TV

Il decreto interministeriale è stato emanato dai Ministeri dell’Economia e delle Finanze e dello Sviluppo Economico. I fondi utilizzati sono quelli previsti dalla legge di bilancio 2019 L’ammontare dello stanziamento è di 151 milioni per il periodo 2020 – 2022. Per ogni TV o decoder acquistato il contributo arriva fino ad un massimo di 50€. Hanno diritto allo sconto sul prezzo di acquisto le famiglie con ISEE inferiore a 20.000 Euro.

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha chiarito che “fino ad un massimo” vuol dire che per apparecchi che costano meno di 50€, come potrebbe essere per un decoder, lo sconto è minore.

Quali sono gli apparecchi che hanno diritto al bonus TV

Con il bouns TV è possibile acquistare decoder e TV che siano in grado di ricevere trasmissioni DVB-T2 con codifica hevc main 10.

Articoli simili

Di cosa si tratta?

Il provvedimento è stato preso per permettere il passaggio al 5G della telefonia mobile. Alcune delle frequenze oggi utilizzate dalla televisione passeranno alla telefonia mobile, le trasmissioni TV verranno quindi riorganizzate per poter liberare le frequenze destinate alla telefonia mobile.

In particolare grazie alla tecnologia DVB-T2 saranno necessarie meno frequenze per poter trasmettere lo stesso numero di canali attualmente sul Digitale Terrestre. Il tutto senza perdita di qualità, anzi, tutti i canali del Digitale Terrestre di seconda generazione potranno essere HD.

Precisazioni in merito al nuovo DVB-T2

Il ministero ha diffuso le risposte alle domande più frequenti (FAQ) per chiarire da subito i contorni di questo provvedimento

  • Il bonus TV può arrivare fino a un massimo di 50€
  • “Fino a” vuol dire che Il bonus è minore quando il prezzo del dispositivo è minore di 50 euro
  • Hanno diritto al bonus le famiglie con ISEE inferiore a 20.000€
  • Il bonus è disponibile dal giorno della pubblicazione in Gazzetta ufficiale (18/11/2019)
  • Il bonus terminerà alla fine del 2022 o fino all’esaurimento dello stanziamento (salvo nuovi finanziamenti)
  • Per provvedimento sono stati stanziati 151 milioni di Euro
  • Con il bonus TV si possono acquistare TV e decoder per il DVB-T2 con codifica hevc main 10
  • Il MiSE stilerà una apposita lista per saper se un apparecchio in commercio è idoneo
  • Per ottenere il bonus TV servono una autocertificazione, un documento personale e il codice fiscale
  • Per l’autocertificazione il riferimento è il facsimile pubblicato nella sezione dedicata al Bonus TV dal  MiSE
  • False dichiarazioni nell’autocertificazione comportano la revoca del bonus e conseguenze sanzionatorie
  • I vecchi televisori funzioneranno fino a giugno 2022 data in cui sarà operativa la nuova tecnologia DVB-T2
Un articolo di Alessandro Nicotra pubblicato il 20 Novembre 2019 e modificato l'ultima volta il 25 Novembre 2019