Questo è uno strumento per applicare l’IVA ad un prezzo non comprensivo di IVA. Ti serve per aggiungere l’IVA ad un prodotto da acquistare di cui conosci solo il prezzo imponibile. Ad oggi l’IVA in Italia è al 22% ma ci sono tutte le premesse perché questo valore aumenti. Al momento questo tool è configurato con l’aliquota IVA del 22%, se dovesse essere necessario puoi modificare a tuo piacimento questo valore. Utilizza il calcolatore per conoscere il cosiddetto prezzo finito.

*campo obbligatorio

Istruzioni:

  1. inserire il prezzo senza IVA
  2. Modificare, se necessario, l’aliquota IVA

Torna all’elenco degli strumenti

Aumento percentuale la formula

Quello dell’IVA è un classico esempio di aumento percentuale. Il risultato dipende dal valore si partenza e dall’aumento percentuale ad esso applicato. Se non è questo il calcolo che stavi cercando vedi se è tra quelli elencati qui sotto.

La formula per calcolare un aumento percentuale

Dato un numero A il suo valore aumentato di una percentuale B è dato dal valore A a cui va sommato il risultato della moltiplicazione tra il valore A ed il valore numerico (sulla calcolatrice va inserito senza il simbolo percentuale) di B diviso per cento.

L’imposta sul valore aggiunto

IVA è l’acronimo di Imposta sul Valore Aggiunto. È una imposta introdotta in Italia nel 1972. Ha sostituito una imposta simile, l’IGE (Imposta Generale sull’Entrata). La modifica è stata necessaria per armonizzare l’imposta con altre della stessa natura in vigore in altri stati dell’Unione Europea.

Attualmente in Italia l’aliquota IVA è al 22%, una delle più alte tra i 68 paesi che in tutto il mondo adottano questo tipo di imposta. Oltre all’aliquota generale ci sono altre aliquote ridotte del 10%, del 5%, e del 4%.

Aliquota 10%

Questa aliquota si applica a

  • prodotti turistici
  • alcuni prodotti alimentari
  • alcune opere di recupero edilizio

Aliquota 5%

Questa aliquote si applica per prestazioni

  • sociali
  • sanitarie
  • educative delle cooperative sociali

Aliquota 4%

L’aliquota più bassa si applica a

  • generi alimentari di prima necessità (pasta, pane, acqua, etc)
  • opere e lavori per l’abbattimento delle barriere architettoniche
  • stampa e libri
  • fertilizzanti e sementi

Il metodo di calcolo dell’IVA

Aggiungere l’IVA

Si applica l’aliquota vigente su quella che viene definita come base imponibile.

Prezzo Ivato= Imponibile + Imponibile x Aliquota IVA

Il calcolo inverso che serve a conoscere la base imponibile partendo da un prezzo ivato si chiama scorporo. Per sapere di più sullo scorporo dell’IVA vai alla pagina dedicata.

Un articolo di Alessandro Nicotra pubblicato il 13 Maggio 2015 e modificato l'ultima volta il 23 Febbraio 2019