Connessioni TV HDMI connettore maschio

Connessioni TV – le connessioni di base

Le connessioni TV sono tra le caratteristiche da prendere in considerazione al momento di acquistare un televisore. Comprare un nuovo apparecchio per poi scoprire che non può comunicare con apparecchi del passato ancora in uso nella tua casa, è un’amara sorpresa. Ancor meno piacevole è capire, solo ad acquisto fatto, che le connessioni TV del tuo televisore non gli consentono di comunicare con qualche novità tecnologica che hai appena comprato.

In questo articolo mi occupo delle connessioni TV di base. Delle connessioni TV specifiche ne parlo in quest’altro articolo del mio blog.

Connessioni TV – I nomi dei cavi

Questo articolo inoltre vuole essere di aiuto anche a tutti quelli che hanno bisogno di acquistare articoli di cavetteria per il proprio TV. Quante volte ti è capitato di andare nel negozio di elettronica a chiedere un cavo e dover fare enormi giri di parole per far capire di quale cavo e con quali intestazioni avessi bisogno? Sicuramente ti sarai sentito in imbarazzo perché non riuscivi a farti capire dal commerciante.

Ricordo un commerciante che nel suo negozio aveva messo un bel cartello con la scritta “Non esistono spinotti normali!“. Ti dico questo a testimonianza del fatto che anche i commercianti vivono male il momento in cui devono comprendere cosa vuole l’acquirente che si spiega “a parole sue”.

Per ogni connessione TV di cui parlerò ti indicherò anche il nome tecnico, quello con cui puoi chiederlo al commerciante e farti capire al primo colpo!

Iniziamo dall’alimentazione.

Alimentazione – la connessione alla rete elettrica

Le spine classiche

Molti dei TV in commercio hanno il cavo di alimentazione collegato direttamente allo chassis dell’apparecchio. Se questo  è il caso del tuo televisore sappi che non potrai sostituire il cavo in caso di rottura. Se sei capace potrai ripararlo, altrimenti dovrai rivolgerti ad un tecnico.

Se invece il tuo TV è dotato di una spina per l’alimentazione posta sul panello posteriore, allora potrai sostituire il cavo comprandone uno nuovo. I cavi in commercio in Italia sono di due tipi

  • IEC 60320 C7
  • IEC 60320 C13

Per farti capire dal commerciante ti basterà dire: “Mi serve un cavo di alimentazione C13”. Per essere sicuro di indicare bene di quale cavo si tratta ti metto un’immagine.cavi alimentazione C7 e C13

Attenzione alla presenza del terzo spinotto nelle spine con messa a terra. In alcuni impianti elettrici un po’ datati le prese non sono dotate del terzo foro. In qual caso sarà meglio specificare che hai bisogno di una spina senza la messa a terra.

Le spine Schuko

schuko spina tedesca

Molto spesso i cavi C13 sono intestati con una spina “Schuko” detta anche spina tedesca. Questo tipo di spina non è compatibile con le “classiche” prese di corrente che si utilizzano in Italia. La spina “classica” è denominata spina europea a due poli. Non forzare l’inserimento di una spina Schuko all’interno di una presa di tipo europeo. Il diametro degli spinotti della Schuko è superiore. Potresti anche riuscire a far entrare la spina nella presa, l’apparecchio funzionerebbe anche, ma danneggeresti la presa di corrente. Molto probabilmente la spina Schuko si incastrerà nella presa europea ed avrai problemi ad estrarla.

Sia nel caso della spina con messa a terra che in quello della spina Schuko è possibile usare un adattatore. Con un adattatore puoi utilizzare il cavo anche nelle prese che non sono non compatibili. Detto questo con l’alimentazione non dovresti avere più problemi, passiamo all’antenna.

Antenna e parabole – le connessioni TV RF

Tra le connessioni TV quella che non può mancare, pena il mancato funzionamento dell’apparecchio, è la connessione RF. Ti dico subito che RF sta per radio frequenza ed indica le connessioni TV per i segnali trasmessi via etere e ricevuti tramite antenna o parabola. Alcuni TV sono dotati di tuner satellitare ed in questo caso portano più ingressi RF. Le connessioni TV RF sono diverse a seconda se si tratta di segnali provenienti da antenna terrestre o satellitare.

Il cavo di connessione per il segnale terrestre si chiama semplicemente “connettore per antenna TV”. Il  televisore è dotato di presa (femmina), il cavo deve quindi essere intestato con uno spinotto (maschio).

Il cavo proveniente dalla parabola per il segnale satellitare si intesta con un  “connettore F”, anche qui la femmina è sul TV ed il maschio sul cavo.

connettore antenna TV e connettore F parabola

Relativamente al connettore F maschio c’è da notare che non è dotato di spinotto centrale. Niente paura, intestando correttamente il connettore F su un cavo coassiale, il cosiddetto polo caldo, il filo di rame più spesso che si trova al centro del cavo, farà da spinotto.

A proposito, il cavo che si utilizza è lo stesso sia per antenna terrestre sia per parabola satellitare. Si chiama cavo coassiale a 75 Ohm.

Connessioni TV Audio/Video

Tra le connessioni TV quelle utilizzate più frequentemente sono le connessioni Audio/Video. Si tratta di connettori che trasportano sullo stesso cavo sia il segnale audio che il segnale video. Sono il cavo AV a spinotti RCA, il cavo SCART, il cavo HDMI.

I connettori Audio/Video sono tuttora indispensabili per stabilire connessioni TV con sorgenti di contenuti esterne.

  • Videoregistratore
  • Videocamera
  • Lettore DVD
  • Lettore Blu Ray
  • Decoder digitale terrestre
  • Decoder satellitare
  • Media center
  • Home teathre
  • Consolle giochi

Come è chiaro dall’elenco precedente alcuni di questi componenti del sistema TV sono in disuso. I più moderni sistemi di riproduzione audio video esterni utilizzano esclusivamente connessioni HDMI. Ciò nonostante, ancora oggi, i TV in commercio hanno almeno una presa SCART o A/V per garantire la compatibilità con sistemi più vecchi.

In futuro le connessioni TV wired (quelle con il cavo) dovrebbero lasciare il passo alle connessioni senza fili. Soluzioni wireless come il Bluetooth o il Wi-Fi collegheranno nei prossimi anni il TV con le varie sorgenti esterne. Tecnologie come il Simple Device Discovery Protocol (SDDP), permetteranno ai vari prodotti a contenuto tecnologico di riconoscersi e comunicare in maniera semplice ed efficace.

Il cavo AV

È il più semplice dei cavi per connessioni TV audio video, deriva direttamente dai cavetti RCA che si utilizzavano per le connessioni dei vari componenti degli impianti stereo hi-fi. A questi è stato aggiunto un terzo cavo.

Connessioni TV - AV RCA Scart

Come il suo predecessore ha due cavi intestati con connettori RCA bianchi e rossi. Questi sono i cavi destinati a trasportare la parte audio del segnale. Rispettivamente il canale destro ed il sinistro della stereofonia. Il terzo cavo, intestato con spinotto RCA giallo trasporta il segnale video composito. Data la totale compatibilità con altri sistemi per connessioni TV analogiche, in commercio esistono molte versioni miste, con connettori SCART o S-Video. Questi ultimi sono usati spesso come adattatori.

Il cavo SCART

scartSCART è un acronimo che deriva da Syndicat des Constructeurs d’Appareils Radiorécepteurs et Téléviseurs. Si è diffuso negli anni ottanta quando, con le prime consolle gioco ed i primi videoregistratori, nacque l’esigenza di ideare un sistema unico di connessione audio/video che diventasse un standard adottato da tutti i produttori. È durato per circa trenta anni, ora è quasi in disuso ma ancora molto diffuso. Il connettore ha 21 piedini ed, ai tempi un cui era lo standard di riferimento, era in grado di stabilire connessioni TV praticamente con ogni dispositivo audio/video.

Il cavo SCART nella versione di uso comune è dotato di due connettori maschi, le femmine sono sempre installate sui pannelli degli apparecchi. Vista la sua versatilità e la sua compatibilità, in commercio era (ed è ancora) possibile trovare ogni tipo di combinazione con altri connettori Audio/Video di tipo analogico.

Il cavo HDMI

È il successore del cavo SCART, la versione digitale del glorioso cavo per connessioni TV in via di estinzione. Il cavo HDMI è un dispositivo Audio/Video che supporta i principali tipi di codifica video come PAL, NTSC e ATSC. I primi cavi HDMI supportano al massimo il formato video Full HD. Nelle sua versione High Speed il cavo  supporta anche la risoluzione 4K.

I cavi HDMI sono sostanzialmente tutti uguali, a seconda degli usi previsti cambiano però le caratteristiche costruttive e dei materiali utilizzati. Per distinguere le diverse versioni dei cavi HDMI bisogna fare riferimento alla dicitura che accompagna la parola HDMI presente sull’intestazione del cavo stesso. In assenza di una dicitura che specifichi di quale tipo di HDMI sia il cavo, sai che ti trovi davanti ad un cavo HDMI standard.

Non sono in molti a sapere che tramite i cavi HDMI è possibile far passare anche il segnale Ethernet. Gli apparecchi dotati di questa funzione però non sono diffusi. Al momento questa è solo una potenzialità di questa tecnologia. I cavi in commercio sono classificati a seconda delle capacità che mettono a disposizione.

Classificazione delle connessioni HDMI

  • HDMI Standard
  • HDMI Standard with Ethernet
  • HDMI High Speed
  • HDMI High Speed with Ethernet
  • HDMI Standard Automotive

HDMI Standard – È il cavo nella versione base, può essere utilizzato con risoluzioni TV fino a 1080i, quindi supporta i televisori Hd Ready e Full HD.

HDMI Standard with Ethernet – È uguale al precedente con in più la già citata capacita di stabilire anche una connessione Ethernet.

HDMI high speedHDMI High Speed – È un cavo per i TV con risoluzioni superiori, il suo utilizzo principale è quello di stabilire connessioni tra apparecchi TV e sorgenti 4K. È retrocompatibile con la versione standard.

HDMI High Speed with Ethernet – Come per la versione standard anche per il cavo High Speed è prevista la versione con la connessione Ethernet.

HDMI Standard Automotive – È un cavo previsto per il settore dei trasporti. In futuro i dispositivi digitali a bordo di autovetture e mezzi di trasporto comunicheranno tra loro grazie a questa versione del cavo HDMI.

Connettori HDMI

Per quanto riguarda i connettori i cavi HDMI possono essere intestati con cinque diversi tipi di connettori denominati con le prime cinque lettere dell’alfabeto. I diversi connettori differiscono per le dimensioni e per il numero dei pin.

È possibile utilizzare degli  adattatori per allacciare diversi tipi di connettori. La completa funzionalità del cavo con la connessione più complessa potrebbe risultare compromessa da questi tipi di accoppiamento.

  • Il connettore di tipo A  è il più diffuso. È quello che abbiamo imparato a conoscere con l’introduzione dei televisori ad alta risoluzione.
  • Il connettore di tipo B è caratterizzato da un numero superiore di connessioni (29 pin). Viene utilizzato principalmente per display ad alta risoluzione.
  • Il connettore di tipo C, denominato anche Mini HDMI, ha le funzionalità di un connettore di tipo A ma è più piccolo. È utilizzato in apparecchi portatili, come le videocamere, in cui gli spazi per le connessioni sono ridotti.
  • Il connettore  di tipo D, denominato anche Micro HDMI, è stato introdotto per minimizzare ulteriormente l’ingonbro delle prese negli apparecchi di piccole dimensioni.
  • Il connettore di tipo E, denominato anche, Automotive Connection System, è quello utilizzato nelle autovetture e negli altri mezzi di trasporto.

tipi di connettori HDMI

Conclusioni

Ora ne sai un po’ di più per quanto riguarda le connessioni TV. Prima di fare un acquisto verifica che l’apparecchio abbia un congruo numero di porte HDMI in funzione degli apparecchi che hai in casa o che pensi di comprare. Verifica anche la compatibilità dei connettori e la classificazione delle porte stesse. Se in casa hai ancora qualche videoregistratore, consolle giochi, decoder o altro che dispone solo della presa SCART, assicurati che il tuo nuovo TV ne abbia almeno una.

Grazie per aver letto il mio articolo Connessioni TV – le connessioni di base

Connessioni TV – le connessioni di base
Media voto 5 - (100%) su un totale di 11 voti

Alessandro Nicotra
Alessandro Nicotra

Scrivo articoli e guide per aiutare le persone a superare gli ostacoli che sorgono nell'uso di tecnologie digitali, nuovi media, social network.

5 commenti

  1. La spiegazione è stata chiara ed esaustiva, tanto da far comprendere a uno come me, digiuno della materia, che, per collegare due vecchi televisori di cui uno è collegato alla parabola satellitare, basta un cavo Scart di mt.12 dotato di due maschi con 21 pistolini ciascuno. Complimenti!

    1. Grazie Giovanni, i complimenti fanno sempre piacere.

  2. Gentile Sig. Alessandro,
    la ringrazio tanto per questo articolo che mi ha chiarito un pò l’utilizzo dei cavi del televisore.
    Ho una domanda: ho un televisore Sony trinitron wide del 2003 funzionante. Ha la presa scart e su un pannello laterale le prese del cavo av ( che ho usato per collegarvi una telecamera). Vorrei collegarci un internet box e dopo ricerche ho concluso che potrei farlo usando o un adattatore hdmi a scart, oppure un cavo av (perchè alcuni internet box hanno questa uscita). Secondo lei il mio ragionamento è valido? O ci sono delle problematiche tecniche che io non posso sapere, che non renderebbero efficace il collegamento? Tra i due quale soluzione mi consiglierebbe?
    La ringrazio anticipatamente per la cortese risposta.
    Antonella

    1. Ciao Antonella, il tuo ragionamento è validissimo. La soluzione migliore sarebbe quella di trovare una internet box che abbia sia l’uscita HDMI che quella AV. Non comprerei una internet box che abbia solo l’uscita AV (ammesso che ce ne siano) per le compatibilità future. Quando cambierai il TV quello nuovo avrà sicuramente gli ingressi HDMI e sarebbe un peccato non sfruttarli perdendo l’opportunità di vedere le trasmissioni HD e 4K. Se non dovessi trovare una internet box con la doppia uscita opta per un cavo-adattatore HDMI-SCART.

      1. Grazie per la cortese risposta!!
        Ho comprato l’internet box, ma il collegamento con il cavo AV non funziona.
        Sto prendendo l’adattatore HDMI-SCART e incrocio le dita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *